[1] Alla Homepage [2] Alle pagine istituzionali sul CEIS [3] Alle pagine sul Progetto Terapeutico del CEIS [4] Alle pagine sulle Cooperative sociali del sistema CEIS [5] Alle pagine sull'Organismo di Formazione del CEIS [7] Alle pagine sull'Attività del CEIS sul territorio [6] Alle pagine delle Pubblicazioni del CEIS Logo del CEIS e menu di navigazione del sito

         Elaborazione grafica dell'Uomo di Vetruvio dal celebre disegno di Leonardo da Vinci (1490), simbolo della centralità dell'uomo

PROGETTO UOMO

"Tu soltanto puoi farlo, ma non da solo"


Principi guida - Presso le strutture del CEIS all’utente viene proposto di seguire un metodo di trattamento denominato “Progetto Uomo” (PU), che dà riferimenti uguali per tutti e determina lo stile con il quale gli operatori si relazionano all’utente e quali sono i comportamenti ed i valori a cui fare riferimento.
L’utente è al centro e protagonista del suo percorso di recupero dalla dipendenza in un ottica di partecipazione e condivisione.
Ogni forma di violenza e/o coercizione è esclusa. Poiché l’obiettivo ultimo è il raggiungimento della libertà dell’ospite dipendente da sostanze, anche l’entrata o l’uscita è libera. Sulla libertà di scelta di cambiamento e d'impegno si fonda la possibilità di sviluppare il progetto di recupero e di vita che, per ogni uomo e donna che entrano al CEIS, è personalizzato. A tutti si propone un sistema di vita di comunità, come risorsa e come strumento per il cambiamento. Fare vita di comunità, e sviluppare senso di appartenenza alla stessa, fornisce un modello alla persona, la quale ha la possibilità di interiorizzare un sistema di valori e di affetti di riferimento, funzionali al proprio miglioramento.


Un'immagine del cenone organizzato dagli utenti dell'Accoglienza del CEIS di Belluno a Tedol di Cet per condividere l'arrivo del 2008 A fianco, festeggiare tutti insieme l'arrivo del nuovo anno
è solo uno dei tanti modi per fare comunità
e sviluppare il senso di appartenenza alla stessa
(il 31 dicembre 2007 in Accoglienza a Tedol di Cet).
Sotto, un momento di vita in comunità,
risorsa e "mezzo" per il cambiamento personale.
Un'immagine di vita in comunità, risorsa e mezzo per "cambiare"

Il programma terapeutico-educativo - “Progetto Uomo” è un programma educativo globale perché propone risposte personalizzate, integrandole tra loro secondo le necessità e i bisogni di ciascuno.
Le modalità d’intervento cambiano, ma l’ispirazione è la stessa: l’aiuto e la solidarietà con l’uomo che soffre per le esperienze negative che segnano pesantemente la sua vita.
Il percorso riabilitativo proposto non è altro che il riappropriarsi consapevole, da parte dell’utente e della sua famiglia, della storia personale, delle risorse interiori e culturali presenti o da sviluppare, la presa in carico, chiara e non delegabile, dei propri bisogni, problemi e responsabilità. Tutto ciò dentro un ambiente educativo, ricco di stimoli e di strumenti, garantito da operatori professionalmente preparati.
Per ogni utente viene predisposto un progetto di lavoro personalizzato. In questo modo l’utente avrà la possibilità di approfondire i propri problemi e di avere obiettivi personali da perseguire per realizzare il cambiamento che ha intrapreso.

La rete dei servizi - Il CEIS lavora in convenzione con le Aziende Sanitarie Nazionali, fa parte della Federazione Italiana delle Comunità Terapeutiche (FICT), della World Federation of Therapeutic Communities, del Coordinamento Veneto Strutture Terapeutiche (CoVeST) e del Comitato d'intesa delle Associazioni Volontaristiche della provincia di Belluno


[ Torna su ]

Centro di Solidarietà di Belluno • Via Rugo n° 21 - 32100 Belluno Tel. +39 0437-950895 Fax +39 0437-949270